In un precedente articolo abbiamo parlato di come l’idrogeno può essere utilizzato nel mondo dei trasporti e di come questo risulti essere una valida opzione per tutto il settore heavy-duty. Oggi andremo a parlare più nel dettaglio di come, nel mondo, alcune delle più grandi aziende stanno portando investimenti riguardo questa tematica e in particolare del consorzio H2 Accelerate.

H2 Accelerate è un consorzio tra costruttori di mezzi pesanti e aziende di energia. Ne fanno parte Daimler Truck AG (la vecchia Mercedes che ha cambiato nome), IVECO Group e Volvo group per il lato mezzi di trasporto a cui si aggiungono l’azienda tedesca Linde (la più grande azienda di gas industriale del mondo), Shell, Total Energies e BP sul fronte energetico.

Tutti questi giganti si sono messi insieme per favorire l’introduzione dell’idrogeno sostenibile come soluzione per i trasporti su strada. La loro missione appare chiara e può essere riassunta in 5 grandi pilastri:

  1. Scalabilità: Promuovere la produzione di idrogeno verde su larga scala, riducendo i costi e aumentando l’efficienza dei processi di produzione.
  1. Infrastrutture: Sviluppare una rete infrastrutturale robusta per la produzione, lo stoccaggio, il trasporto e la distribuzione di idrogeno verde.
  1. Standardizzazione: Lavorare alla standardizzazione dei processi e delle tecnologie legate all’idrogeno verde per facilitare la sua adozione e integrazione nei sistemi esistenti.
  1. Collaborazione: Favorire la collaborazione tra membri del consorzio, istituzioni governative, enti di ricerca e altri attori chiave per accelerare l’innovazione e lo sviluppo nel settore dell’idrogeno verde.
  1. Sensibilizzazione: Informare e coinvolgere il pubblico sull’importanza dell’idrogeno verde e

H2 Accelerate, quindi, si pone una missione chiara e ambiziosa: promuovere l’idrogeno verde come una fonte energetica competitiva, sostenibile e affidabile che possa rivoluzionare settori chiave come il trasporto, l’industria e la produzione di energia.

Secondo quanto dichiarato, lato distribuzione idrogeno, si comincerà con la costruzione di corridoi specifici che attraverseranno l’Europa lungo le rotte su cui già transitano i grandi flussi di merci, mentre, lato mezzi di trasporto, i tre costruttori Daimler, IVECO e Volvo metteranno su strada 150 mezzi pesanti a lungo raggio in 9 nazioni europee.

Il 20 Novembre 2023, i CEO e i membri decisionali delle aziende aderenti al consorzio H2 Accelerate si sono incontrati a Bruxelles e hanno sottolineato il loro impegno nell’accelerare il settore dei mezzi pesanti ad idrogeno con l’obiettivo di far arrivare l’Europa prima in questa famosa maratona green.

Con il suo impegno per l’innovazione, la collaborazione e la sostenibilità, il consorzio H2 Accelerate si pone come un faro guida nel settore dell’idrogeno verde, offrendo una visione concreta di un futuro in cui l’idrogeno pulito gioca un ruolo centrale nella transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio.  Le aziende coinvolte sarebbero in grado di coprire gran parte della filiera che parte dalla produzione dell’idrogeno fino ad arrivare all’utilizzatore finale e questo aspetto potrebbe rivelarsi chiave in uno sviluppo accelerato e coordinato, prerogativa fondamentale per una crescita efficiente.

Sign Up for Our Newsletters

Get notified of the best deals on our WordPress themes.

You May Also Like

Innovazione nei Trasporti: L’Idrogeno Come Fonte Energetica Rivoluzionaria

Negli ultimi anni, l’attenzione verso soluzioni energetiche sostenibili ha spinto l’interesse per…

Formula 1, ma quanto consumi? I prossimi obiettivi della classe regina del motorsport

L’attuale sistema di propulsione adottato in Formula 1 è il più complesso…

ferrari brevetta il suo termico alimentato ad idrogeno

In una decade caratterizzata dalla continua ricerca verso un futuro sostenibile, Ferrari…

tecnologie e prospettive per autonomia e ricarica dei veicoli elettrici

Nel corso dell’ultimo secolo, la “diffusione spinta” del veicolo elettrico è stata…