Cosa significa catturare e stoccare il carbonio

La tecnologia di Cattura e Stoccaggio del Carbonio (CCS) rappresenta una delle speranze più concrete per contrastare il cambiamento climatico e puntare a un futuro a emissioni nette zero. Il processo è il seguente: si separa l’anidride carbonica (CO2) prodotta da centrali elettriche e industrie, per poi trasportarla e immagazzinarla in modo sicuro sottoterra, impedendo così che raggiunga l’atmosfera e contribuisca all’effetto serra. 

Con gli accordi internazionali che fissano target ambiziosi di riduzione delle emissioni, il CCS è più che mai al centro dell’attenzione, rappresentando una delle tecnologie chiave per un futuro energetico più pulito e sostenibile.

Fonte: VectorMine/Shutterstock.com

La promessa mancata del CCS

L’ultimo World Energy Outlook, rilasciato nel 2023, rivela una crescita stagnante nella capacità globale di CCS, che rimane a circa 40 milioni di tonnellate negli ultimi tre anni, lontano dalla previsione ottimistica di 400 milioni di tonnellate entro il 2030. Un esempio lampante delle prestazioni insufficienti della tecnologia si vede in Texas, dove la più grande impianto di cattura del carbonio del mondo, Century, ha operato a solamente un terzo della sua capacità per oltre un decennio. Il problema non era la tecnologia ma l’economia legata alle fluttuazioni dei prezzi del gas naturale, che ha portato alla sua vendita finale quando i prezzi delle materie prime sono crollati.

Nonostante i contrattempi, l’IEA, sostenuta dal passaggio della legge americana sull’Inflazione, rimane speranzosa. Tuttavia, esperti come Emily Grubert, una professoressa presso l’Università di Notre Dame, esprimono scetticismo. Grubert sottolinea che senza leggi che impongono la decarbonizzazione, gli incentivi finanziari potrebbero non essere sufficienti a guidare l’adozione volontaria della cattura del carbonio, soprattutto dati gli alti costi e le interruzioni coinvolte nel riadattamento degli impianti esistenti.

Inoltre, Grubert sostiene che, a differenza delle tecnologie rinnovabili scalabili, i progetti di cattura del carbonio sono unici, di grande scala, e non hanno visto riduzioni dei costi comparabili all’energia solare o eolica nel corso degli anni. Lei propone un dispiegamento più mirato della cattura del carbonio solo nelle industrie dove non ci sono altre alternative di decarbonizzazione.

Fonte: IEA luglio 2023

Mentre si avvicina il summit annuale delle Nazioni Unite sul clima, COP28, il padrone di casa, gli Emirati Arabi Uniti, mostra un forte sostegno per l’espansione delle iniziative di cattura del carbonio. Tuttavia, c’è una crescente preoccupazione tra gli esperti che un’eccessiva dipendenza dalla cattura del carbonio potrebbe servire come giustificazione per gli investimenti continuati nei combustibili fossili, minando la transizione globale verso soluzioni energetiche più pulite.

In sintesi, sebbene la tecnologia di cattura del carbonio abbia un forte potenziale, il suo dispiegamento nel mondo reale è notevolmente indietro rispetto alle proiezioni ottimistiche. Gli esperti chiedono un approccio più pragmatico, mirando le industrie senza altre alternative di decarbonizzazione, e mettono in guardia contro la visione della cattura del carbonio come una panacea per i problemi climatici.

Sign Up for Our Newsletters

Get notified of the best deals on our WordPress themes.

You May Also Like

Il futuro delle coste sotto attacco: la corsa salvifica dei motori della sabbia

Con uno sguardo al futuro, ci si accorge di come l’innalzamento del…

L’economia eco-digitale : un futuro sostenibile e tecnologico che varrà 33mila miliardi di dollari entro il 2028

Un recente studio condotto da Capgemini in collaborazione con il Digital Data…

La globalizzazione degli standard di sostenibilità e le difficoltà associate alla transizione globale ad un’ economia a basso impatto di carbonio

Gli standard di sostenibilità sono un tema caldo, importante e fondamentale per…