Per affrontare la questione della sostenibilità nella fase finale del ciclo di vita dei capi di abbigliamento, è importante considerare l’implementazione di strategie sin dalle fasi iniziali del ciclo di vita del prodotto. 

Nell’articolo “Eco-fashion: come alcuni brand di scarpe italiani stanno promuovendo il riciclo virtuoso delle calzature usate” abbiamo visto come i marchi di moda possono ridurre i grandi sprechi del settore trovando soluzioni di riciclo una volta che il prodotto è giunto alla fine del suo ciclo di vita. Il riciclo virtuoso, per esempio, è una delle opzioni per ridurre gli scarti, ma ciò a cui l’industria dovrebbe ambire è l’implementazione di soluzioni circolari addirittura prima che il prodotto venga concepito. 

In altre parole, la soluzione al problema della gestione sostenibile dei prodotti al termine della loro vita utile inizia con la scelta di materiali e tecniche di produzione eco-friendly, nonché con la creazione di modelli di business circolari che considerino l’intero ciclo di vita del prodotto. Attraverso le strategie seguenti, è infatti possibile ridurre la quantità di rifiuti prodotti e incrementare la possibilità di riutilizzo dei materiali, contribuendo alla creazione di un’industria più sostenibile e circolare.

La Responsabilità Estesa del Produttore (EPR) è un concetto che sta guadagnando sempre più popolarità ed implica che i produttori siano responsabili delle soluzioni di fine vita dei loro prodotti. Questo concetto è stato utilizzato in altre industrie come l’elettronica, e implica che i produttori si prendano la responsabilità di ciò che accade ai loro prodotti una volta utilizzati.
Evitando il costo aggiuntivo di raccolta e riciclaggio dei prodotti usati, le aziende possono così incentivare l’uso di materiali eco-sostenibili. La legislazione in materia di Responsabilità Estesa del Produttore dovrebbe essere compresa dall’industria e dai consumatori per attribuire maggiore valore ai materiali sostenibili e ai vestiti realizzati con essi.

Riequilibrare i portafogli dei materiali è un altro passo importante nell’abbracciare metodi più circolari. Utilizzando fibre naturali, le aziende possono garantire che anche se i loro prodotti finiscono in discarica, le fibre e microfibre rilasciate nell’ambiente siano biodegradabili. Le aziende possono anche mescolare fibre naturali insieme per renderle più facilmente riciclabili e utilizzare materiali riciclati nei loro prodotti per garantire la circolarità delle fibre. L’industria della moda ha una dipendenza eccessiva dal cotone convenzionale e dal poliestere virtuale: i brand dovrebbero trovare alternative e diversificare il paniere delle fibre.

Inoltre, il problema delle microplastiche nella moda è un problema complesso che richiede un approccio multifattoriale per essere affrontato. Un aspetto chiave della soluzione è il design. Le scelte di materiali, la costruzione dei capi e i processi di produzione giocano tutti un ruolo significativo nella riduzione della quantità di microplastiche che i vestiti disperdono. Tecniche di costruzione come la cucitura piatta e il design senza cuciture possono ridurre la quantità di filo e quindi la probabilità di dispersione di microplastiche. Di conseguenza, i processi di produzione che privilegiano la qualità e la durabilità rispetto alla velocità e alla quantità possono avere un impatto positivo sulla riduzione dell’inquinamento da microplastiche. Pertanto, i designer hanno un ruolo cruciale da svolgere nel contrastare la diffusione dei microplastiche nella moda.

Un altro passo critico nell’abbracciare metodi più circolari è attraverso la tracciabilità: essa è un abilitatore per modelli di business circolari. Le aziende che possono tracciare i loro prodotti lungo tutta la catena di approvvigionamento possono condividere queste informazioni con i consumatori, aumentando così la trasparenza e costruendo fiducia nei loro prodotti, evitando il greenwashing. La tracciabilità consente anche alle aziende di fissare e raggiungere obiettivi di sostenibilità ed è essenziale per costruire modelli di business di rivendita e noleggio di successo. 

 

Infine, fare investimenti piccoli ma significativi può creare un vantaggio competitivo per le aziende che stanno cercando di adottare metodi circolari. I marchi possono innovare partendo da pochi prodotti ed estendendo gradualmente le loro iniziative sostenibili a intere collezioni. I primi ad adottare nuovi materiali e processi otterranno un vantaggio di fronte al cambiamento della mentalità dei consumatori e alle pressioni normative.

 

Riducendo il loro impatto ambientale e facendo appello ai consumatori eco-consapevoli, le aziende possono ottenere un vantaggio competitivo e costruire un futuro più sostenibile.

Sign Up for Our Newsletters

Get notified of the best deals on our WordPress themes.

You May Also Like

L’Africa: una discarica comune che pesa miliardi di euro

Vi siete mai interrogati sul destino dei vostri beni una volta abbandonati?…

Verso una Gestione Sostenibile dei Rifiuti Plastici: Il Caso dell’India e le Sfide Globali

L’articolo esamina la gestione dei rifiuti plastici in India e nel mondo,…

Cambiamento climatico e disparità di genere: il ruolo cruciale delle donne nelle aree rurali

Un nuovo rapporto della Food and Agriculture Organization delle Nazioni Unite (FAO)…

Il Pacchetto sull’Economia Circolare apre la porta ad un mondo più sostenibile

Il principio dell’economia circolare è semplice ma cruciale, un processo che promuove…