Più di due miliardi di persone nel mondo vivono in paesi con problemi idrici. Quattro miliardi di persone vivono in aree con grave carenza d’acqua per almeno un mese all’anno. Secondo le osservazioni dell’Onu, circa 1,6 miliardi di persone si trovano ad affrontare una carenza di acqua “a buon mercato”: si pensa che l’acqua sia disponibile, ma mancano le infrastrutture per fornirla. 

 

La capacità d’acqua nei laghi è ridotta dell’1% all’anno a causa della crescita della popolazione e della sedimentazione. Il consumo di acqua potabile è aumentato dell’1% all’anno dal 1980. L’agricoltura utilizza in media il 69% dell’acqua dolce per il consumo umano (in alcuni paesi questo rapporto arriva fino al 95%). L’industria assorbe il 19%, la città il 12%. Tra il 2009 e il 2019, la siccità ha colpito 100 milioni di persone in tutto il mondo, provocando 2.000 morti e 100 miliardi di dollari di danni. La Banca Mondiale stima che le regioni che soffrono di scarsità d’acqua potrebbero ridurre il proprio PIL del 6% entro il 2050.

bimbo-acqua-1024x575

L’intera situazione è aggravata dall’aumento degli eventi meteorologici estremi, che hanno causato oltre il 90% dei grandi disastri nell’ultimo decennio. Inoltre, entro il 2040, si prevede che la domanda globale di energia aumenterà di oltre il 25% e la domanda di acqua di oltre il 50%. Pertanto, secondo gli esperti, il riscaldamento globale deve essere limitato a 1,5 gradi Celsius al di sopra dei livelli preindustriali per ridurre del 50% lo stress idrico indotto dal clima. Potrebbe salvare la vita di oltre 360.000 bambini ogni anno.

L’ONU invita quindi a riflettere sul vero significato e valore di questa risorsa vitale per imparare a proteggerla al meglio. ”Il valore dell’acqua supera di gran lunga il suo prezzo, è inestimabile per le nostre case, la nostra cultura, la nostra salute, la nostra istruzione, la nostra economia o la nostra integrità del nostro ambiente naturale. Se ignoriamo anche solo uno di questi aspetti, corriamo il rischio di una cattiva gestione di questa risorsa limitata e insostituibile”, hanno aggiunto le Nazioni Unite

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.