Fame nel mondo: la situazione peggiora

“L’uomo si vanta di saper dividere l’atomo ma non ha ancora imparato a dividere il pane”. Nasir Karim.

L’Onu nell’obiettivo 2 della Agenda 2030 ha fissato una meta e indicato una via concreta per sconfiggere la fame entro il 2030 tramite modelli sostenibili di produzione e consumo.
Purtroppo, nonostante i buoni propositi dell Onu, il difficile periodo che ci troviamo ad affrontare ha innalzato questo problema a livelli mai raggiunti prima ,rendendo ancora più difficile questo obiettivo. I dati forniti dalla FAO (rapporto 2021), e da diverse agenzie delle Nazioni Unite (inclusa l’Unicef), indicano che negli ultimi anni decine di milioni di persone nel mondo sono rimaste vittime di malnutrizione e denutrizione e che circa un terzo della produzione alimentare mondiale non è fruibile per sprechi sempre più ampi.

Approfondire questi dati ci sta aiutando a maturare una visione critica e globale del problema della fame e ci sta svelando purtroppo, come dice Papa Francesco, che lo spreco di alimenti non è che uno dei frutti di quella ’cultura dello scarto’ che spesso porta a sacrificare uomini e donne agli idoli del potere, del profitto e del consumo.

Un triste segnale di quella globalizzazione dell’indifferenza, che ha fatto lentamente abituare adolescenti e adulti alla realtà della fame nel mondo quasi fosse normale. Il nostro pianeta sta vivendo la più grave crisi alimentare del XXI secolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.