Image by jcomp on Freepik

Ogni giorno siamo bombardati da molti acronimi e abbreviazioni legati alla sostenibilità. Per stare al passo e partecipare attivamente al cambiamento, è essenziale conoscere i più comunemente utilizzate. In questo articolo scoprirai i cinque acronimi più usati nel mondo della sostenibilità. Dei must-have per fare un figurone a tavola, scuola e al lavoro.  Cosa significano ESG, SDG, CSR, 5P e DNF? Li riusciresti a riassumere con un dato? 

ESG

Cominciamo con ESG, che sta per Environmental, Social and Governance. ESG è un insieme di standard che le aziende utilizzano per misurare il loro impatto sull’ambiente, sulle persone e sul loro stile di governance. Se un’azienda può dimostrare di avere forti credenziali ESG, allora è sulla strada giusta per essere considerata un’entità sostenibile.

35

Il valore (in trilioni) degli investimenti globali che integrano considerazioni ESG, secondo una stima del Global Sustainable Investment Alliance del 2022.

SDG

Gli SDG, o Sustainable Development Goals, sono 17 obiettivi stabiliti dalle Nazioni Unite per guidare il mondo verso un futuro più sostenibile entro il 2030. Questi obiettivi spaziano dall’eliminazione della povertà alla lotta contro il cambiamento climatico, fino alla creazione di comunità sostenibili. Gli SDG rappresentano una roadmap globale per affrontare alcune delle sfide più grandi del nostro tempo e per costruire un mondo in cui tutti possano prosperare. Qui li raccontiamo per te!

17

Il numero di obiettivi di sviluppo sostenibile stabiliti dalle Nazioni Unite.

CSR

La CSR, o Corporate Social Responsibility, rappresenta un pezzo fondamentale del puzzle della sostenibilità. Si tratta della responsabilità che un’azienda ha di fare ciò che è giusto per i suoi dipendenti, i suoi clienti, l’ambiente e la società in generale. Non si tratta solo di fare profitto, ma di farlo in modo etico e responsabile. Un’azienda che adotta una forte politica CSR non solo rispetta l’ambiente e la società in cui opera, ma spesso vede anche benefici a lungo termine, come la fedeltà dei clienti e una migliore reputazione.

33%

Percentuale di consumatori che, secondo una ricerca di Nielsen, sceglieranno di comprare da aziende impegnate in programmi di responsabilità sociale.​

5P

Le 5P rappresentano i cinque pilastri che guidano gli SDG. Questi termini – Persone, Prosperità, Pace, Partnership, Pianeta – rappresentano una visione olistica della sostenibilità che va oltre la semplice riduzione delle emissioni di carbonio o del riciclo. Sono un invito a creare un mondo in cui tutti possono prosperare in pace e armonia, attraverso collaborazioni efficaci e un rispetto profondo per il nostro pianeta.

5

Il numero di pilastri che guidano gli obiettivi di sviluppo sostenibile: Persone, Prosperità, Pace, Partnership e Pianeta.

DNF

Infine, il DNF, o Documento non Finanziario, è un documento che le aziende sono tenute a produrre per mostrare come stanno contribuendo alla sostenibilità al di là dei loro risultati finanziari. Questo rapporto getta luce su come l’azienda gestisce questioni cruciali come l’impatto ambientale, i diritti umani, la corruzione e altro ancora. È un modo per le aziende di dimostrare il loro impegno per un futuro sostenibile, non solo con le parole, ma con azioni concrete e misurabili.

1000+

Il numero di aziende italiane che, secondo una stima del 2022, sono tenute a presentare il DNF.

Ognuna di queste sigle rappresenta un elemento chiave del puzzle della sostenibilità. Insieme, ci aiutano a capire meglio come possiamo lavorare per costruire un futuro più verde, più equo e più sostenibile. Ricorda, ognuno di noi ha un ruolo da giocare. E tu, quale sceglierai?

Sign Up for Our Newsletters

Get notified of the best deals on our WordPress themes.

You May Also Like

Inquinamento acustico marino: cos’è e perchè è importante

Un tipo di inquinamento marino, l’inquinamento acustico marino.

Il WMF e l’impegno contro la Mafia

Grande attenzione ai temi di lotta alla mafia e contrasto alla criminalità…

Blockchain for Sustainable Energy and Climate in the Global South

Da Roma a Monaco. Da Berlino a Jakarta. Da Jakarta a Vancouver. Tra due tappe pochissimo tempo a disposizione e, in media, 500 tonnellate di merci da spostare. Questo è solo un esempio delle sfide logistiche che DHL, Official Logistics Partner di Formula E, deve affrontare durante il campionato. A dirigere le attività Manuela Gianni, Head di DHL Motorsport Italia, che insieme al suo team gestisce la logistica per gli organizzatori, i media e i team di Formula E, trasportando merci per più di 70.000 kilometri in una singola stagione.

Nuovo rapporto IRENA: perché la parità di genere è un acceleratore della transizione energetica

Le donne sono la chiave per il futuro delle energie rinnovabili. Un rapporto IRENA mostra come sono in netta minoranza rispetto agli uomini.