Lo smog riempie lo skyline a Toronto, Canada. Fonte Unsplash/Kristen Morith

Le città hanno un ruolo cruciale nel futuro dello sviluppo sostenibile, hanno detto i funzionari del Consiglio Economico e Sociale (ECOSOC) in una riunione speciale tenutasi giovedì, sottolineando che più della metà della popolazione mondiale vive attualmente in ambienti urbani, un numero destinato a salire a quasi il 70 per cento entro il 2050.

“Le azioni che intraprendiamo ora devono condurre a una nuova integrazione sociale basata sui principi di prosperità, trasformazione, adattamento, equità e rispetto dei diritti umani“, ha affermato Martha Delgado, Presidente dell’Assemblea UN-Habitat.

Durante il suo intervento ha evidenziato inoltre il bisogno di più smart cities resilienti e sostenibili che siano governate in modo più inclusivo e meglio preparate a superare shock e crisi futuri.

Nuova Agenda Urbana

La riunione speciale di giovedì sull’urbanizzazione sostenibile e l’attuazione della nuova agenda urbana integrerà un’analoga riunione ad alto livello dell’Assemblea generale, il 28 aprile.

Entrambe le sessioni sono progettate per esplorare come il sistema delle Nazioni Unite può supportare meglio i paesi nell’attuazione della “Nuova Agenda Urbana, un piano adottato nel 2016 alla Conferenza delle Nazioni Unite sull’edilizia abitativa e lo sviluppo urbano sostenibile.

L’Agenda propone standard e impegni per la pianificazione, la costruzione, lo sviluppo, la gestione e il miglioramento delle aree urbane.

Disparità e COVID-19

Aprendo la riunione di giovedì, il presidente dell’ECOSOC Collen Vixen Kelapile ha esortato i partecipanti a esaminare le questioni urbane attraverso la lente della disuguaglianza, soprattutto date le forti disparità illustrate dalla pandemia di COVID-19.

“Lo sviluppo sostenibile dipenderà dal modo in cui gestiamo l’urbanizzazione”, ha affermato, aggiungendo che le discussioni in corso dovrebbero essere inquadrate nel contesto della risposta alla risposta al COVID-19 e alla crisi climatica.

Notando che 1,2 miliardi di persone nel sud del mondo vivono attualmente in insediamenti informali e baraccopoli, Kelapile ha ricordato che queste fascie di popolazione hanno lottato a lungo per prevenire la trasmissione di malattie, incluso il COVID-19.

Nel frattempo, nel Nord del mondo, la dipendenza dalle misure assistenziali, ove disponibile, è aumentata di molto durante la pandemia e molte persone hanno visto il proprio reddito scendere al di sotto della soglia di povertà.

In risposta, le città hanno implementato azioni creative e fornito servizi in aree svantaggiate, mentre i nuovi modelli urbani stanno iniziando a prestare maggiore attenzione ai pedoni e agli usi misti del suolo.

Kelapile ha inoltre esposto una visione condivisa per le città del futuro; luoghi giusti, sicuri, sani, accessibili e abbordabili in cui tutti gli abitanti possono vivere senza discriminazioni.

Bonifica, inclusività, greening

Il capo di UN-Habitat Maimunah Mohd Sharif ha convenuto che le città del mondo hanno assorbito gran parte dell’impatto socioeconomico del COVID.

Questo ha spesso portato a una più stretta cooperazione tra i governi nazionali e locali, che, a sua volta, ha portato a una maggiore bonifica, all’inverdimento e all’uso inclusivo dello spazio pubblico.

 Mettendo in evidenza le nuove opportunità nate dalla cooperazioni tra entità regionali e statali , ha affermato: “Possiamo fornire servizi di base in modo più equo, ridurre il pendolarismo attraverso il telelavoro e ridurre le emissioni di carbonio mediante un uso prudente dell’energia“.

Riqualificare i bassifondi e affrontare il problema dell’accessibilità economica degli alloggi rimangono le massime priorità in termini di sviluppo urbano.

Nel frattempo, poiché le città sono state costrette ad aumentare la spesa sociale di emergenza durante la pandemia, ha avvertito che l’attuazione dell’Agenda continua a essere ostacolata da finanziamenti inadeguati, ulteriormente paralizzata da drastiche riduzioni della spesa.

Il COVID-19 ha dimostrato che il valore reale deriva dalla fornitura di servizi convenienti, piuttosto che dall’estrazione di profitto, ha aggiunto.

Il Consiglio economico e sociale (ECOSOC) convoca una riunione speciale sull'urbanizzazione sostenibile e l'attuazione della nuova agenda urbana. Fonte UN Photo/Manuel Elías

Accelerare il progresso

“Il raggiungimento degli obiettivi della New Urban Agenda accelererà i progressi in materia di benessere umano e sicurezza a livello globale”, ha affermato il presidente dell’Assemblea generale Abdulla Shahid.

Si è unito ad altri relatori nel sottolineare che, se gestite correttamente, le città sono tra gli ambienti di vita più sostenibili dell’umanità.

Sul fronte climatico, l’adesione all’Agenda aiuterà a mantenere vivo l’obiettivo di limitare il riscaldamento planetario a 1,5°C.

Le città “collegano i punti”

Facendo eco a questi punti, il vice segretario generale Amina Mohammed ha affermato che l’agenda include anche misure per garantire il diritto di proprietà della terra, promuovere alloggi a prezzi accessibili, migliorare la mobilità e fornire servizi accessibili a tutti.

“Le città possono guidare le innovazioni per colmare i divari delle disuguaglianze, fornire azioni per il clima e garantire una ripresa verde e inclusiva dalla pandemia di COVID-19”, ha affermato.

Il vice capo delle Nazioni Unite ha aggiunto che gli spazi urbani “collegano i punti” su molte delle sfide globali di oggi, sottolineando l’interdipendenza delle sfide globali poste dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.