Nella Conferenza sul Clima a Dubaiun momento storico è avvenuto il 30 novembre con l’operatività del Fondo per le Perdite e i Danni. I delegati si sono riuniti a Dubai, dove il Presidente della Conferenza ha annunciato la creazione del fondo, segnando il culmine degli impegni presi a Sharm el-Sheikh l’1/12/23.

 

 

La conferenza è ufficialmente iniziata nel pomeriggio, sebbene con un ritardo di 1 ora e 45 minuti. Il Presidente della COP, Sultan Al Jaber, ha espresso fiducia e determinazione, sottolineando il traguardo senza precedenti dell’operatività del Fondo per le Perdite e i Danni nel primo giorno. Ha sottolineato l’impegno nel rispettare l’obiettivo dell’Accordo di Parigi di limitare le emissioni a 1,5°C.

 

 

Nell’approccio alla conferenza, l’attenzione si è spostata sulle dinamiche climatiche globali. Reuters riporta un accordo preliminare da parte di OPEC+ per una riduzione aggiuntiva di oltre un milione di barili al giorno nella produzione di petrolio. Nel 2024, il mercato petrolifero affronta sfide a causa dei rischi percepiti che frenano la domanda globale.

 Il rappresentante del Primo Ministro indiano Narendra Modi ha sottolineato l’importanza continua del carbone nei fabbisogni energetici dell’India. L’Organizzazione Meteorologica Mondiale (OMM) ha confermato il 2023 come l’anno più caldo mai registrato. Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, António Guterres, ha risposto affermando: “Stiamo vivendo il collasso climatico in tempo reale”.

 

 

Prima dell’avvio ufficiale della conferenza, sono emersi alcuni aspetti chiave della trattativa per il finanziamento del Fondo per le Perdite e i Danni. La Banca Mondiale lo ospiterà temporaneamente per quattro anni, con un segretariato indipendente composto da rappresentanti dei paesi sviluppati e in via di sviluppo. Il fondo dovrebbe raggiungere almeno 100 miliardi di dollari all’anno entro il 2030, lontano dalle effettive necessità sostenute dai paesi in via di sviluppo, stimate intorno ai 400 miliardi. Le perdite e i danni causati dal collasso climatico sono stati stimati a circa 1,5 trilioni di dollari nel 2022. Le contribuzioni al fondo saranno volontarie, con i paesi sviluppati incoraggiati ma non obbligati a contribuire. Tutti i paesi in via di sviluppo avranno accesso diretto alle risorse del fondo, con una percentuale minima destinata ai paesi meno sviluppati e alle piccole isole in via di sviluppo.

 

Gli Impegni finanziari iniziali sono ritenuti insufficienti e pallidi rispetto alle reali necessità. L’urgenza ora sta nel mobilitare fondi in modo rapido per sostenere le comunità vulnerabili colpite dai cambiamenti climatici. I fondi promessi non devono essere mere dichiarazioni, ma contributi finanziari tangibili sotto forma di sovvenzioni, non prestiti, per evitare di gravare ulteriormente alcuni dei paesi più poveri del mondo con debiti aggiuntivi.

 

 

La sfida centrale ruota attorno ai combustibili fossili e all’incerto consenso sull’eliminazione graduale di petrolio, gas e carbone. Il pessimismo permane sulla capacità della COP 28 di attuare misure decisive per affrontare l’emergenza climatica, data la stretta connessione del paese ospitante con il petrolio e il gas. Si teme una COP miracolosa, in particolare per quanto riguarda la Cattura e Stoccaggio del Carbonio (Ccs), vista da alcuni come un modo per prolungare l’uso dei combustibili fossili. Tuttavia, la Ccs non può sostituire l’eliminazione completa e rapida dei combustibili fossili, che richiede impegni politici e la risoluzione degli ostacoli economici e dei modelli di business.

 

 

Il primo giorno della conferenza ha visto sviluppi significativi prima ancora dell’arrivo dei leader mondiali. La notizia principale è stata la conferma delle speculazioni pre-conferenza: i paesi hanno raggiunto un accordo per istituire il Fondo per le Perdite e i Danni per assistere le nazioni nel far fronte agli impatti dei cambiamenti climatici. Gli Emirati Arabi Uniti, come ospiti, hanno immediatamente promesso 100 milioni di dollari al fondo, seguiti dai contributi dell’UE, guidata da Germania, Regno Unito, Stati Uniti e Giappone. Tuttavia, gli Stati Uniti sono stati criticati per il loro impegno relativamente modesto. Domani, il secondo giorno, l’attenzione si sposterà sui discorsi dei leader mondiali e sull’inaugurazione ufficiale della Conferenza con il Re Carlo III del Regno Unito.

Sign Up for Our Newsletters

Get notified of the best deals on our WordPress themes.

You May Also Like

Milano: Misure Antismog per Affrontare l’Emergenza Inquinamento

La pianura padana, con la sua chiusura naturale tra le Alpi e…

Il  “Riscaldamento Riciclato”: Riscaldare le città partendo dalle fognature

Il governo britannico ha annunciato un finanziamento di £80.6 milioni per progetti…

Smart Cities 2024: Il Futuro Urbano Rivoluzionario

Il concetto di Smart City continua a evolversi in maniera straordinaria nel…

Lo sviluppo sostenibile dipende dalle metropoli

Secondo il “Rapporto mondiale delle Nazioni Unite sullo sviluppo delle risorse idriche 2021”, sebbene le acque sotterranee rappresentino il 99% di tutta l’acqua dolce corrente sulla Terra, sono troppo spesso sottovalutate, mal gestite e sovrasfruttate.